Comune di Casalgrande

Buongiorno, sei connesso come GUEST Lunedì , 20 Maggio 2019 08:21
  Sezione   Home | Login | Registrazione | Ricerca  Help 
Tributi Web
Calcolo IMU - Utenti non Registrati
Calcolo TASI - Utenti non Registrati
 
 :: TASI :: Come si paga - 2014
Cos'è il Tributo sui servizi indivisibili
La Legge n° 147/2013 ha istituito, dal primo gennaio 2014,  il tributo per i servizi indivisibili (TASI) delegando ai comuni la sua regolamentazione sia in merito alle fattispecie immobiliari sottoposte a tassazione sia alle modalità di versamento e all'eventuale introduzione di agevolazioni riferibili all'abitazione principale e alle unità ad esse assimiliate.
Considerato che il TASI è direttamente collegato all'IMU, il Comune ha ritenuto opportuno applicarlo solo alle abitazioni principali, a quelle ad esse equiparate (art. 13, comma 2, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201), ai fabbricati rurali strumentali all'attività agricola (di cui al comma 708 art. 1 della Legge 147/2013), e ai fabbricati costruiti e destinati alla vendita delle imprese di costruzione (di cui all'art. 13 comma 9 bis del D.L. 201/2011), tutte fattispecie non soggette ad Imu, in modo da garantire la partecipazione di tutti i contribuenti al pagamento dei servizi indivisibili del Comune, attraverso il pagamento dell'IMU, della TASI e dell'addizionale comunale all'Irpef;

Devono versare il TASI i proprietari o detentori a qualsiasi titolo di fabbricati. In caso di pluralità di possessori o detentori, essi sono tenuti in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria. Nel caso di pluralità di possessori il tributo viene complessivamente determinato tenendo conto delle quote di possesso di ciascun titolare del bene medesimo.
 
La Tasi si applica dunque a:
 
§         abitazione principale e pertinenze -purché l'abitazione principale non sia catastalmente classificata nelle categorie A/1, A/8 e A/9 in quanto in tale caso si continua a versare la sola IMU- e relative pertinenze (una per categoria catastale C/2,C/6 e C/7) come definita ai fini dell'IMU;
§         l'unità immobiliare, comprese le relative pertinenze, posseduta da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente -purchè non siano locate-;
§         le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
§         alloggio adibito a casa coniugale e relative pertinenze (una per categoria catastale C/2, C/6 e C/7), assegnato al coniuge a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
§         fabbricati e relative pertinenze (una per categoria catastale C/2,C/6 e C/7), di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal Decreto del Ministero delle Infrastrutture del 22 aprile 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008,
§         unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente dalla Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
§         fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'art. 9, comma 3-bis, del D.L. 30.12.1993, n. 557 convertito nella Legge n.133/1994 e previsti dal comma 8 dell'art. 13 del Decreto Legge n. 201/2011 e successive modificazioni (s'intendono i fabbricati accatastati nella categoria che ne indica la ruralità -es: D/10, A/6-oppure i fabbricati che possiedono l'apposita annotazione catastale a seguito dell'attestazione dei requisiti di ruralità);
§         fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati.
 
BASE IMPONIBILE
La base imponibile ai sensi del comma 675 dell'art. 1 della Legge n. 147/2013 è quella prevista per l'applicazione dell'IMU ed è pertanto costituita dal valore dell'immobile determinato applicando all'ammontare delle rendite risultanti in catasto al 1° gennaio dell'anno di imposizione, rivalutate del 5 per cento, gli stessi moltiplicatori IMU individuati per le categorie catastali dei fabbricati assoggettati alla TASI
 
COME SI PAGA
Il TASI deve essere versato in autoliquidazione con la seguente modalità:
Modello F24 - per il versamento dovranno essere utilizzati i seguenti codici tributo determinati dall'Agenzia delle Entrate con Risoluzione n° 46/E del 24/04/2014:
3958 denominato: TASI – tributo per i servizi indivisibili su abitazione principale e relative pertinenze;
3959 denominato: TASI – tributo per i servizi indivisibili per fabbricati rurali ad uso strumentale;
3961 denominato: TASI – tributo per i servizi indivisibili per altri fabbricati.
 
Si ricorda che il codice del Comune di Casalgrande è B893
 
SCADENZE ACCONTO E SALDO 2014
Acconto: entro il 16 ottobre
Saldo: entro il 16 dicembre
E' possibile versare il tributo in un'unica soluzione, entro il 16 ottobre.
 
 
 
© Gruppo Finmatica - Tutti i diritti riservati
J-Portal [Gruppo Finmatica - Bologna]
Versione 1.3.4.beta  ( AFC 2005.05.4 )